Il bagno turco è un ‘trattamento benessere’ d’origine antica, apprezzato da sempre come “luogo in cui ci si prende cura, contemporaneamente, di corpo e mente”.

 Si svolge in una stanza riscaldata e ricca di vapore. In un luogo accogliente e rilassante dove, per 15 minuti circa (ma la durata può variare a seconda della tolleranza che si ha per le alte temperature), s’inala vapore tiepido che agisce sulla respirazione e favorisce la sudorazione e, di conseguenza, l’eliminazione delle tossine.

Si può concludere con un massaggio rilassante, a base di oli essenziali, in un ambiente adiacente e meno caldo.

 Molteplici sono i benefici del bagno turco. Quello più importante è il miglioramento della circolazione linfatica e sanguigna dato che l’alta temperatura a cui è sottoposto l’organismo durante il trattamento permette ai vasi di dilatarsi. Una circolazione più efficace si traduce, a sua volta, nel sollievo rispetto ad alcuni dolori come, ad esempio, quelli articolari. Questo trattamento offre buoni risultati anche in caso di cellulite ed ha un effetto rilassante sul sistema nervoso, combatte insomma lo stress ma, allo stesso tempo, aiuta a tonificare il corpo.

Probabilmente però il beneficio più evidente è quello che il bagno turco ha sulla pelle. Il calore tende infatti a dilatare i pori e a far sudare, in questo modo il corpo può più facilmente espellere le tossine interne ma anche purificare l’epidermide che risulterà più liscia e visibilmente in salute. Molto importante, a questo scopo, è procedere subito prima o appena entrati all’interno del bagno turco, ad un massaggio con un guanto da bagno o una spazzola per il corpo in modo da mandare via le cellule morte e promuovere la rigenerazione di quelle nuove.

Buoni effetti, grazie al vapore, si ottengono anche sulla respirazione che dopo il trattamento risulterà più libera e profonda. Questo trattamento infatti decongestiona le mucose e favorisce la fluidificazione del catarro.

Torna indietro